Re, imperatori e politici gay, omosessuali o lesbiche

Molte donne e uomini di potere del passato sono state lesbiche o gay.
Una lista di personaggi.

Creata il 8 maggio 2013 - 18:47

Tags

Hit it! 0
3199 visite

rosa

  • 13 liste
  • 0 following
  • 1 follower
Follow me

7 Re, imperatori e politici gay, omosessuali o lesbiche

Luigi II di Baviera

Ludovico II, qualche volta tradotto in italiano anche come Luigi II di Baviera (Monaco di Baviera, 25 agosto 1845 – Lago di Starnberg, 13 giugno 1886), fu re di Baviera dal 1864 al 1886, anno in cui fu dichiarato pazzo e deposto. È a volte indicato come Swan King in inglese e der Märchenkönig (il re delle favole) in tedesco. Altri titoli erano conte palatino del Reno, duca di Baviera, Franconia e Svevia. È a volte indicato anche come il "pazzo re Ludwig", anche se l'esattezza di tale etichetta è stata contestata: fu deposto per motivi di malattia mentale, senza visita medica, e morì il giorno dopo in circostanze misteriose e le domande sulla diagnosi medica restano controverse. Uno dei suoi detti più citato è "Voglio rimanere un eterno enigma per me stesso e per gli altri". Fu noto come un eccentrico la cui eredità si intreccia con la storia dell'arte e dell'architettura; infatti egli commissionò la costruzione di numerosi stravaganti castelli fiabeschi (il più famoso è il Neuschwanstein) e fu un devoto mecenate del compositore Richard Wagner. Fu generalmente ben voluto e ancora oggi è venerato da molti in Baviera. La sua propensione nel costruire castelli è una grandiosa eredità per la Baviera e contribuisce ad incrementarne il fatturato turistico di massa. (da wikipedia)

6 Re, imperatori e politici gay, omosessuali o lesbiche

Corradino di Svevia

Corrado Hohenstaufen, detto Corradino (Landshut, 25 marzo 1252 – Napoli, 29 ottobre 1268), è stato duca di Svevia (1254-1268, come Corrado IV), Re di Sicilia (1254-1258, come Corrado II) e Re di Gerusalemme (1254-1268, come Corrado III); fu l'ultimo degli Hohenstaufen regnanti. Si ipotizza un amore omosessuale tra Corradino, che cronache del tempo vogliono bellissimo ("bello come Assalonne"), e il suo fedele seguace e cugino Federico di Baden, pressoché coetaneo del principe svevo. Dopo la sconfitta e la cattura Corradino e Federico condivisero la prigionia e la sventura: erano insieme in cella, nelle segrete di Castel dell'Ovo, quando arrivò la fatale notizia della condanna a morte. Pare che in quel momento fossero intenti in una partita a scacchi. (da wiki)

5 Re, imperatori e politici gay, omosessuali o lesbiche

Eliogabalo

Eliogabalo o Elagabalo (latino: Heliogabalus o Elagabalus), nato come Sesto Vario Avito Bassiano (Sextus Varius Avitus Bassianus) e regnante col nome di Marco Aurelio Antonino (Marcus Aurelius Antoninus; Roma, 20 marzo 203 – Roma, 11 marzo 222) è stato un imperatore romano della dinastia dei Severi, che regnò dal 16 maggio 218 alla sua morte.
Siriano di origine, Eliogabalo era, per diritto ereditario, l'alto sacerdote del dio sole di Emesa, sua città d'origine. Il regno di Eliogabalo fu fortemente segnato dal suo tentativo di importare il culto solare di Emesa a Roma e dall'opposizione che ebbe questa politica religiosa. Il giovane imperatore siriano, infatti, sovvertì le tradizioni religiose romane, sostituendo a Giove, signore del pantheon romano, la nuova divinità solare del Sol Invictus, che aveva gli stessi attributi del dio solare di Emesa; contrasse anche, in qualità di gran sacerdote di Sol Invictus, un matrimonio con una vergine vestale, che nelle sue intenzioni sarebbe dovuto essere il matrimonio tra il proprio dio e Vesta.
La politica religiosa e i suoi eccessi sessuali gli causarono una crescente opposizione del popolo e del Senato romano che culminò col suo assassinio per mano dalla guardia pretoriana e l'insediamento del cugino Alessandro Severo. (da wiki)

4 Re, imperatori e politici gay, omosessuali o lesbiche

Eugenio di Savoia

Noto come Principe Eugenio (Parigi, 18 ottobre 1663 – Vienna, 21 aprile 1736), è stato un generale sabaudo, principe di Savoia-Carignano e conte di Soissons. Sebbene fosse un rampollo della famiglia dei Savoia-Soissons, militò giovanissimo al servizio degli Asburgo ed intraprese la carriera militare divenendo ben presto comandante dell'esercito imperiale. È da molti considerato l'ultimo dei capitani di ventura; fu anche un abile riformatore dell'esercito austriaco, vero precursore della guerra moderna. Conosciuto anche come il "Gran Capitano", combatté la sua ultima battaglia a 72 anni. Fu uno dei migliori strateghi del suo tempo e con le sue vittorie e la sua opera di politico assicurò agli Asburgo e all'Austria la possibilità di imporsi in Italia e nell'Europa centrale e orientale. (da wikipedia)

3 Re, imperatori e politici gay, omosessuali o lesbiche

Publio Elio Traiano Adriano

Publio Elio Traiano Adriano, noto semplicemente come Adriano (latino: Publius Aelius Traianus Hadrianus; Italica, 24 gennaio 76 – Baia, 10 luglio 138), è stato un imperatore romano della dinastia degli imperatori adottivi che regnò dal 117 alla sua morte. Fu uno dei "buoni imperatori" secondo lo storico Edward Gibbon. Mantenne le conquiste di Traiano, a parte la Mesopotamia che assegnò ad un sovrano vassallo. Il suo impero fu caratterizzato da tolleranza, efficienza e splendore delle arti e della filosofia. Egli stesso studiò la cultura greca della quale era appassionato. (da wikipedia)

2 Re, imperatori e politici gay, omosessuali o lesbiche

Giacomo I d'Inghilterra

Giacomo Stuart, in inglese King James VI and I Stuart, asceso ai troni di Scozia e Inghilterra con i nomi, rispettivamente, di Giacomo VI di Scozia e Giacomo I d'Inghilterra (Edimburgo, 19 giugno 1566 – Londra, 27 marzo 1625), fu Re di Scozia e per primo regnò su tutte le isole britanniche, avendo unificato le corone d'Inghilterra, Scozia e Irlanda. Regnò in Scozia dal 24 luglio 1567, dall'età di un anno, fino alla morte; il paese fu governato da diversi reggenti durante la sua minorità, che terminò ufficialmente nel 1578, sebbene non abbia preso pieno controllo del suo governo fino al 1581. Il 24 marzo 1603, con il nome Giacomo I, succedette a Elisabetta I, ultima rappresentante della dinastia Tudor, che morì nubile e senza figli. (da wikipedia)

1 Re, imperatori e politici gay, omosessuali o lesbiche

Regina Cristina di Svezia

Cristina di Svezia, Cristina Alessandra Maria dopo la conversione al cattolicesimo (Stoccolma, 18 dicembre 1626 – Roma, 19 aprile 1689), fu regina di Svezia dal 1632 (con pieni poteri dal 1650) al 1654. Cristina era l'unica figlia sopravvissuta e legittima del re Gustavo II Adolfo di Svezia e di sua moglie Maria Eleonora di Brandeburgo. Come erede presunta, all'età di sei anni succedette al defunto genitore sul trono di Svezia. Essendo figlia di uno dei massimi campioni del protestantesimo durante la guerra dei trent'anni, fu motivo di scandalo quando preferì abdicare al suo trono per convertirsi al cattolicesimo nel 1654. Trascorse gli ultimi anni della sua vita a Roma, occupandosi di opere caritatevoli, di musica e di teatro. Come regina senza regno, protesse molti artisti e progettisti tra i maggiori del barocco romano ed internazionale. (da wikipedia)

Chiudi

Prima di scoprire il numero 1
registrati gratis ed entra a far parte
della comunità di Sevenhits.
Potrai conoscere persone
che hanno le tue stesse passioni.

Ti piace questa lista? Clicca Hit it! per farla diventare popolare!

Ti piace?

Hit it!
- oppure -

Non è il tuo genere?

Rispondi con la tua versione

Commenta