I più brutti edifici napoletani

Si tratta ovviamente di quelli famosi, ce ne sono tanti altri ma non sono degni di classifica…

Creata il 5 dicembre 2012 - 20:21

Tags

Hit it! 5
2600 visite

Persone che hanno cliccato Hit it!

lecorbusier

  • 13 liste
  • 1 following
  • 4 follower
Follow me

7 I più brutti edifici napoletani

Jolly Hotel in via Medina

Ha per sempre violentato il panorama più bello del mondo...

6 I più brutti edifici napoletani

Edificio in via Manzoni

Progettato nel 1967 avrebbe voluto essere un edificio su pilastri alla Le Corbusier, ma è solo un ingombro mostruoso tra i passanti e il panorama

5 I più brutti edifici napoletani

Hotel Majestic in Largo Vasto a Chiaia

Progettato nel 1957 in stile Neo-Decò non se ne capisce il motivo, non solo dello stile ma anche dell’altezza, assolutamente sproporzionata rispetto al contesto del quartiere di Chiaia

4 I più brutti edifici napoletani

Edificio scolastico in Piazza Cavour

Nel centro antico più vivo d'Italia un edificio di una monotonia sconsolante

3 I più brutti edifici napoletani

Palazzo del Cinema Adriano, a via Monteoliveto

Tra palazzo Gravina, gloriosa sede della facoltà di Architettura, ed il palazzo delle Poste di Vaccaro, eccone un edificio messo lì giusto per abbassare la media del valore urbano...

2 I più brutti edifici napoletani

Palazzo dei Veterani, via Rega - salita Vetriera

La speculazione al suo massimo, lì dove la realtà supera ogni immaginazione (di affarista).

1 I più brutti edifici napoletani

Palazzo Ottieri a piazza Mercato

Il mostro costruito negli anni '60 dal costruttore Ottieri, con l'appoggio dei politici del tempo, è uno degli emblemi del saccheggio urbanistico di quell'epoca. E lì rimane, ad imperitura (?) memoria.

Chiudi

Prima di scoprire il numero 1
registrati gratis ed entra a far parte
della comunità di Sevenhits.
Potrai conoscere persone
che hanno le tue stesse passioni.

Ti piace questa lista? Clicca Hit it! per farla diventare popolare!

Ti piace?

Hit it!
- oppure -

Non è il tuo genere?

Rispondi con la tua versione

Commenta