Neil Young's story in 7 canzoni.

La storia di Neil Young in una sequenza cronologica di 7 pezzi cardinali...

Creata il 14 settembre 2013 - 15:50

Tags

Hit it! 0
730 visite

gimoretti

  • 46 liste
  • 2 following
  • 12 follower
Follow me

7 Neil Young's story in 7 canzoni.

Sugar Mountain, 1963

Neil nasce a Toronto da un giornalista sportivo e una scrittrice, nel 1945.
Da bambino gli viene diagnosticato il diabete e a 6 anni viene colpito dalla poliomielite, che gli indebolisce il lato sinistro (cammina ancora zoppicando leggermente). A 12 anni forma alcuni gruppi di garage rock, e fa le sue prime esperienze musicali in club del circuito folk canadese.
A quell'epoca incontra Stephen Stills e Joni Mitchell, e scrive le sue prime canzoni, come la celeberrima Sugar Mountain.

6 Neil Young's story in 7 canzoni.

Mr. Soul, 1967

Nel 1966, a Los Angeles forma con Stephen Stills, Bruce Palmer, Richie Furay, e Dewey Martin i Buffalo Springfield, destinati a diventare uno dei gruppi di punta della scena folk-rock californiana.
La band, sorretta dalle chitarre soliste di Stills e Young, riceve consensi dalla critica, ed anche un discreto successo commerciale, quando il primo album "Buffalo Springfield" viene ristampato con il brano di Stills "For What It's Worth", dove Young suona la chitarra solista.
Altre canzoni scritte da Young per il gruppo, Mr. Soul, Broken Arrow, Expecting to Fly.

5 Neil Young's story in 7 canzoni.

Helpless, 1970

Nel 1969 Young si riunisce con l'amico Stephen Stills entrando a far parte dei Crosby, Stills & Nash. I "Crosby, Stills, Nash & Young", debuttano a Chicago il 16 agosto 1969, esibendosi anche al Festival di Woodstock, durante il quale però Young rifiuta di essere filmato.
Con il gruppo Young incide dischi come Déjà vu e Four Way Street (dal vivo).

4 Neil Young's story in 7 canzoni.

A man needs a maid, 1972

Con After the Gold Rush (1970) e Harvest, Young raggiunge la testa delle classifiche di vendita americane.
"A Man Needs a Maid" è dedicata a Carolyn Snodgress, attrice che Young vede nel film "Diario di una casalinga inquieta", e che diviene la sua compagna. I due hanno un figlio, Zeke, al quale viene diagnostica una forma di paralisi cerebrale.
Il brano è una ballata pianistica che si evolve maestosamente, grazie agli interventi della London Symphony Orchestra.

3 Neil Young's story in 7 canzoni.

Tonight's the night, 1975

Tonight's the Night, ovvero uno degli album della Trilogia Oscura, il periodo di crisi, problemi fisici e depressione, dovuta alle morti per overdose del chitarrista dei Crazy Horse, Danny Whitten, e di Bruce Berry, il roadie a cui sarà dedicata proprio la canzone Tonight's the Night.
Problemi che si sommano alle disavventure personali (la salute malferma, l'abuso di droghe, la paralisi cerebrale del figlio). Questa crisi si ripercuote nella musica. I dischi non hanno successo. La critica è disorientata, in certi casi aspra.
Col passare degli anni, quel trittico appare forse come la stagione più intensa e commovente di Young, pienamente rivalutata.

2 Neil Young's story in 7 canzoni.

Hey hey, my my (into the black), 1979

La rinascita, iniziata l'anno prima con "Comes a time", si completa con l'album "Rust never sleeps", che contiene una doppia versione di questa canzone, una acustica ("Out of the blue"), l'altra elettrica ("Into the black").
Kurt Cobain ne citerà il verso nel biglietto che lascerà prima del suicidio: «It's better to burn out than to fade away» ("È meglio bruciare che spegnersi lentamente").
È una canzone dedicata al rock ("il rock 'n' roll non può morire"), a Elvis Presley, morto da poco, e Johnny Rotten dei Sex Pistols.

1 Neil Young's story in 7 canzoni.

Love to burn, 1990

Per il tour di "Ragged Glory", registrato nel '90 coi Crazy Horse, Young chiama ad aprire i suoi concerti i Sonic Youth, fatto che gli assicura una buona popolarità anche nei circuiti del rock alternativo.
In questo contesto esce l'album Arc / Weld (1991), considerato da diversi critici uno dei migliori album dal vivo della storia del rock. E' la consacrazione di Young come "padrino del Grunge".
E' il più elettrico del canadese, con l'uso di "feedback" e distorsioni dalla prima all'ultima canzone.

Chiudi

Prima di scoprire il numero 1
registrati gratis ed entra a far parte
della comunità di Sevenhits.
Potrai conoscere persone
che hanno le tue stesse passioni.

Ti piace questa lista? Clicca Hit it! per farla diventare popolare!

Ti piace?

Hit it!
- oppure -

Non è il tuo genere?

Rispondi con la tua versione

Commenta