Profilo utente

gimoretti

mi piacciono (forse) troppe cose...lo sport, il cinema, le moto, il mare, i libri...non necessariamente in quest'ordine...

46 liste create da me

La moda del jogging: 7 improbabili tipi di runners.

5 luglio 2015 - 12:02

1 hits 1474 visite


Avviso: questa é una lista snob, molto snob, di quelle con la puzza sotto il naso. Ma me lo posso permettere, corro da oltre trent’anni, tempi in cui nella mia città rischiavi dalle pernacchie alla vita, per farlo.
Lo so, dovrei essere contento di questa piccola rivoluzione culturale e salutista, che porta tutti, ma proprio tutti, sulle strade.... eppure... é proprio così?

Qualche piccolo consiglio: 1)per correre, bisogna saperlo fare, altrimenti fa più male che bene. 2) respirate a tempo con il passo, parlate poco o punto. 3)per correre bastano le scarpe giuste, e coprirsi bene in funzione del tempo: più trendy sarete, e meno atleti sembrerete.

Film e opera: best moments

30 marzo 2014 - 10:27

0 hits 655 visite


Alcuni tra i più bei momenti di opera nei film.
Il cinema mostra sempre una certa riverenza nei confronti della lirica. Così quei momenti spesso sono delle pause dell'azione, attimi che segnano delle svolte, o che inducono a delle riflessioni più profonde. Più banalmente, costituiscono dei meccanismi per trame d'amore, o montaggi in cui il dramma "finto" si alterna ad uno "vero".
Ma sempre, sono momenti che rappresentano il potere della bellezza: l'unica cosa in grado di farci tornare Uomini, e di salvarci.

Le più belle sparizioni del cinema...

6 marzo 2014 - 10:40

0 hits 701 visite


La sparizione è uno dei meccanismi più classici del cinema, di quelli che funzionano sempre, perchè attinge alle paure più recondite, come la perdita, la solitudine... E a un sentimento: quello della nostalgia di ciò che si è perso, o che si poteva avere e non si è avuto.
Perché l'assenza di colui che sparisce ne crea, potentemente, il mito.

Vaffanculo: 7 casi oltre la volgarità.

19 gennaio 2014 - 16:09

0 hits 1085 visite


Oltre l'offesa, la volgarità di chi non ha altri argomenti, esistono altri"vaffanculo".
Da quelli gridati con le spalle al muro dal rivoluzionario condannato, a quelli detti leggermente, la voce melliflua, che al destinatario devono apparire quasi un " prego s'accomodi".
In margine a un caso d'attualità.

I più grandi concerti rock dal vivo.

13 settembre 2013 - 11:37

3 hits 629 visite


Per ”grandi”, qui non intendo necessariamente i più belli dal punto di vista musicale, ma i più importanti e significativi per la storia della musica rock. Insomma quelli di cui ognuno avrebbe voluto dire: “io c’ero”.

Sette guitar riffs degli anni '90

1 giugno 2013 - 17:31

0 hits 527 visite


…dopo gli anni dell’edonismo reaganiano, quelli dell’era yuppie che seppe produrre fenomeni discutibili come il New Romantic (ma anche molto interessanti come la New Wave nata da una costola del Punk), agli inizi del decennio esplode il Grunge: nato per la verità già qualche anno prima, dalle parti di Seattle, tiene insieme le anime dell’hardcore, del punk-rock, del metal.
Insieme al rap-metal rappresenta il ritorno alla dura realtà, quella di una classe media in piena crisi, in cui l’angoscia e la disillusione ogni tanto si alternano ad un sentimento di rivolta e alla voglia di rovesciare il “sistema”.

Sette guitar riffs degli anni '70

28 aprile 2013 - 10:55

0 hits 511 visite


...il big bang del rock, ormai lontano, ha creato una miriade di schegge che si allontanano sempre di più l’una dall’altra (eppure ogni tanto tornano a incrociarsi): l’hard che si è trasformato in heavy metal, lo psychedelic, il progressive, il glam… fino al punk. Eppure i riff sono ancora lì, le colonne portanti di un fenomeno destinato a evolversi ancora.

7 animali fantastici

5 aprile 2013 - 00:36

1 hits 3402 visite


Il bestiario medievale era quel catalogo che rappresentava, mescolandoli, animali fantastici (alcuni ereditati dai miti greci e romani) e reali.
Ma la cosa bella è che, spesso, anche gli animali reali erano descritti in maniera fantasiosa.
E ciò non perchè non sapessero osservarli o non li conoscessero. Quanto perchè il sapere era, in realtà, altro.
Ciò che era vero non rientrava nel campo della fisica, ma della metafisica: il reale era una cosa, il vero un'altra. Così le rappresentazioni convenzionali - quelle che si vedono nei bestiari miniati - erano piú importanti e veritiere di quelle naturalistiche. Per la cultura medievale, preciso non significa vero. Del resto, cos'è una rappresentazione realistica se non una forma di rappresentazione convenzionale come tante altre?